NAVIGA IL SITO
Home » Guide » Educational Lavoro » Come calcolare gli scatti di anzianità

Come calcolare gli scatti di anzianità

Come si calcolano gli scatti di anzianità, un premio alla fedeltà del lavoratore per la sua permanenza in azienda. Regolati dai contratti collettivi nazionali di lavoro sono elementi della retribuzione segnalati in busta paga

di Mauro Introzzi 10 mar 2017 - ore 12:05

Come calcolare gli scatti di anzianità, un premio alla fedeltà del lavoratore per la sua permanenza in azienda e per la sua crescente produttività legata all'esperienza. Gli scatti sono regolati dai contratti collettivi nazionali di lavoro e sono elementi della retribuzione segnalati in busta paga.
Gli scatti di anzianità sono una componente della retribuzione che matura a intervalli periodici, proporzionalmente alla permanenza di un lavoratore presso la stessa azienda. In altre parole ogni tot anni il dipendente si vedrà corrispondere una certa parte aggiuntiva nella retribuzione corrente.

 

SCATTI DI ANZIANITÀ, COME SI CALCOLANO E QUANDO

scatti-anzianitaGli scatti di anzianità si calcolano dalla data di assunzione e sono regolati dalla contrattazione collettiva. I contratti collettivi nazionali di lavoro (ccnl) stabiliscono infatti, per le varie categorie di lavoratori, periodicità dello scatto, loro ammontare e il loro numero massimo.

Gli scatti non vanno solo a premiare la fedeltà del lavoratore, ma anche la sua esperienza e la sua produttività, che con il tempo crescono determinando una maggior efficienza e utilità per l’azienda.

Solitamente gli scatti hanno cadenza ogni 2 o 3 anni e diventano efficaci il primo giorno del mese in cui matura o in quello successivo (dipende dai contratti collettivi).

Di seguito alcuni esempi per qualcuno dei ccnl principali.

 

SCATTI DI ANZIANITÀ TERZIARIO – CONFCOMMERCIO

Il contratto collettivo nazionale del terziario Confcommercio indica che per l'anzianità di servizio maturata presso la stessa azienda o gruppo aziendale il lavoratore ha diritto a 10 scatti, ognuno ogni 3 anni.

Gli importi degli scatti in cifra fissa sono determinati, per ciascun livello di inquadramento, in misura diversa. Vanno dai 19,47 euro del settimo livello ai 25,46 euro dei quadri.

 

SCATTI DI ANZIANITÀ GRAFICA ED EDITORIA - INDUSTRIA

Nel contratto grafici ed editoriali viene specificato che agli impiegati per l'anzianità di servizio maturata presso la stessa azienda (indipendentemente da qualsiasi aumento di merito) sarà corrisposto per ogni biennio e fino ad un massimo di 5 bienni un aumento in cifra fissa differenziato per ciascun livello retributivo. L'importo degli aumenti è compreso tra i 12,39 euro del gruppo C2 fino ai 16,03 euro del gruppo A. Il contratto nazionale indica che gli aumenti periodici decorrono dal primo del mese immediatamente successivo quello in cui si compie il biennio di anzianità.

 

SCATTI DI ANZIANITÀ METALMECCANICA – INDUSTRIA

Il ccnl di questa categoria indica che il lavoratore ha diritto a uno scatto per ogni biennio di anzianità di servizio maturato (per un massimi di 5) presso la stessa azienda o gruppo aziendale.
Gli importi dello scatto vanno da 18,49 euro per il primo livello per arrivare a un massimo di 40,96 euro per il settimo e l’ottavo.
Gli aumenti periodici non potranno comunque essere assorbiti da precedenti o successivi aumenti di merito, né gli aumenti di merito potranno essere assorbiti dagli aumenti periodici maturati o da maturare. Gli aumenti periodici decorreranno dal primo giorno del mese immediatamente successivo a quello in cui si compie il biennio di anzianità.

 

SCATTI DI ANZIANITÀ CONTRATTO DEL CREDITO -  ABI

Secondo il contratto nazionale dei bancari, quello del credito ABI, dal novembre 1999 gli scatti di anzianità vengono riconosciuti con cadenza triennale, e di 4 anni per il primo scatto in tutti i casi di assunzione, nonché in caso di passaggio al terzo o al quarto livello retributivo dei quadri direttivi. Ogni scatto decorre dal primo giorno del mese in cui matura.

Questo scritto è redatto a solo scopo informativo, può essere modificato in qualsiasi momento e NON può essere considerato sollecitazione al pubblico risparmio. Il sito web non garantisce la correttezza e non si assume la responsabilità in merito all’uso delle informazioni ivi riportate.
da

Soldionline

Piazza Affari verso una chiusura in lieve ribasso

Piazza Affari verso una chiusura in lieve ribasso

Prosegue in lieve calo la seduta di Piazza Affari in scia all’esito delle elezioni tedesche, che hanno visto la Cdu di Angela Merkel confermarsi il primo partito con il 33% dei voti Continua

da

ABC Risparmio

Carta Postepay: cos'è e come funziona

Carta Postepay: cos'è e come funziona

La prepagata di Poste Italiane permette di fare tante cose, anche su internet. E in ottima sicurezza. Cos'è e come funziona la carta Postepay. Continua »